Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere il codice sconto del 20%!

“C’è una bolla di cultura albanese che in Calabria (r)esiste da cinque secoli.

Gli arbëreshë sono una minoranza ento-linguistica discendente dai profughi albanesi fuggiti dall’occupazione ottomana dell’Albania durante il XV secolo.

Trovarono accoglienza in oltre cinquanta villaggi sparsi in tutto il Sud Italia tra Basilicata, Abruzzo, Molise e Sicilia, ma la comunità più numerosa è concentrata tra le province di Cosenza, Crotone e Catanzaro.

E’ quasi impossibile dire chi o cosa appartiene alla comunità arbereshe o italiana, 500 anni di integrazione e convivenza perfetta hanno favorito tante strette di mano, tante ricette scambiate e mescolato tante carte.

Pasolini l’ha definito “un miracolo antropologico”, forse perchè è proprio durante il periodo della Pasqua, quando di miracoli ne accadono parecchi, che quello degli arbëreshë si compie in tutto il suo orgoglio. Il rito è quello greco-bizantino, cioè quello della chiesa d’oriente reso ufficiale in Italia dalla chiesa d’occidente.

Si sentono canti e parole in una lingua che non è né italiano né cosentino, è l’arbereshit: varietà linguistica della parlata tosca del sud d’Albania ed Epiro. Lì però il tempo è passato e ha inesorabilmente cambiato un po’ di cose, qui invece è lo stesso di cinque secoli fa, l’isolamento dalla terra natia e la fierezza delle proprie origini hanno conservato una lingua che in Albania è quasi scomparsa.

Iniziano anche le danze, le donne si vestono con i costumi tradizionali fatti di gonne blu, rosse e verdi, e di veli bianchi ricamati con vistosi motivi dorati. E’ come fare un salto nel tempo e anche nello spazio. Nell’illustrazione una danzatrice volteggia veloce e tra le pieghe della gonna si vede il profilo della città di Civita, che ho scelto di rappresentare a nome di tutte le altre comunità perchè da qui provengono alcuni membri della mia famiglia.”

Artwork e testo commare NADIA RESTA

Dimensioni

21×30, 30×40, 50×70

Stampato in Calabria su Carta Fedrigoni Symbol Freelife Matt 300 gr | certificata FSC

Perché abbiamo scelto questa soluzione:

Qualità:

  • La carta Fedrigoni Symbol Freelife Matt è un prodotto di alta gamma, noto per la sua resistenza, la sua finitura opaca e la sua stampa eccellente.
  • La grammatura di 300 gr indica una carta robusta e resistente, adatta a prodotti di alta gamma.

Sostenibilità:

  • La carta Fedrigoni Symbol Freelife Matt è certificata FSC, il che significa che proviene da foreste gestite in modo responsabile.
  • La scelta di una carta riciclata al 40% riduce l’impatto ambientale del prodotto.

Territorialità:

  • La stampa in Calabria ci permette di supportare l’economia locale e di ridurre l’impronta di carbonio associata al trasporto.
  • Siamo orgogliosi di promuovere il nostro territorio e le sue eccellenze.

Per ridurre gli sprechi di carta, i nostri prodotti vengono stampati al momento del completamento dell’ordine.

Puoi trovare queste ed altre informazioni in questa pagina.

Tutti i formati in vendita sono compatibili con le principali cornici in commercio.

Consigliamo di utilizzare una cornice nera con passepartout, la stessa che è stata utilizzata per le foto prodotto.

Iscriviti alla Newsletter e ottieni il 20% di sconto al tuo prossimo acquisto